Che maggioranza serve per modificare il regolamento di condominio?

la modifica all’unanimità se si tratta di clausole aventi natura contrattuale con i relativi adempimenti pubblicitari; · la modifica a maggioranza dei presenti …

per modificare una parte o tutto il regolamento contrattuale è necessaria l’unanimità; per modificare una parte o tutto il regolamento assembleare è sufficiente la maggioranza degli intervenuti in assemblea che costituiscano almeno 500 millesimi dell’edificio.

Dove si registra un regolamento di condominio?

Il regolamento approvato in seno all’assemblea, a semplice maggioranza, non è depositato presso nessun notaio o registro pubblico. Per cui l’unica via che ti si apre è fare richiesta all’amministratore che dovrebbe averne una copia allegata al registro dei verbali di assemblea.

Quando è obbligatorio fare il regolamento di condominio?

L’adozione del regolamento condominiale è obbligatoria negli stabili in cui il numero di condomini sia superiore a dieci (art. 1138 c. 1 c.c.), mentre la presenza dell’amministratore è prevista come obbligatoria nei condominii che abbiano più di otto condomini (art. 1129 c.

Cos’è il regolamento di condominio contrattuale?

Come abbiamo anticipato in precedenza, il regolamento contrattuale è quello predisposto dall’unico originario proprietario dello stabile (ossia quasi sempre il costruttore) ed accettato dagli acquirenti delle singole unità immobiliari, in sede di compravendita degli alloggi che compongono l’edificio.

READ:  Come immettere coordinate google maps?

Chi deve redigere il regolamento di condominio?

Chi scrive materialmente il regolamento e tutte le norme che contiene? Sono gli stessi condomini a maggioranza, a meno che non si tratti di un regolamento contrattuale che richiede un voto all’unanimità.

13 regole sul condominio | Angelo Greco | Questa è la legge

Come impugnare il regolamento di condominio?
Quanti millesimi occorrono per cambiare il regolamento di condominio?
Quando un regolamento condominiale è nullo?
Quorum per approvazione regolamento di condominio e modifica … cioè di un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà …

Trovate 24 domande correlate

Chi è tenuto a far rispettare il regolamento condominiale?

Dunque, l’amministratore deve verificare che tutti i condomini rispettino le norme sancite dal regolamento condominiale e, se necessario, agire in modo che lo stesso sia osservato. Egli può a tal fine richiamare i condomini mediante lettere o inviti verbali.

Come capire se il regolamento e contrattuale?

È anche contrattuale il regolamento approvato all’unanimità dai condomini in assemblea. Invece, il regolamento assembleare è quello approvato dalla maggioranza degli intervenuti all’assemblea, in rappresentanza di almeno 500/1.000, anche in seconda convocazione.

Che cos’è il regolamento assembleare?

Il regolamento assembleare è quello individuato dall’articolo 1138 del codice civile, che ha dunque le finalità di: Dettare le norme sull’uso delle cose comuni; Ripartire le spese secondo i criteri normativi; Stabilire le norme sul decoro e l’amministrazione dell’edificio.

Cosa si può fare se non si rispetta il regolamento condominiale?

Chi non rispetta il regolamento condominiale, che si approvato a maggioranza dall’assemblea o che sia contrattuale approvato all’unanimità, rischia di incorrere in conseguenze che possono prevedere sanzioni dai 200 agli 800 euro in caso di recidiva.

Come si registra un regolamento di condominio?

Deve essere approvato dall’assemblea a maggioranza. Non può incidere sui diritti soggettivi dei proprietari. In sostanza, non è possibile porre, a maggioranza, limitazioni sull’uso delle singole unità immobiliari o escludere condomini dall’uso delle parti comuni.

Come si registra un condominio?

La relativa richiesta va fatta all’Agenzia delle Entrate, utilizzando l’apposito modello AA5/6, da parte dell’amministratore di condominio o da una persona delegata dai condomini nei casi in cui non vi sia l’obbligo di nominare l’amministratore e questo manchi effettivamente.

READ:  Quando apre sorbillo a torino?

Come incastrare il proprio amministratore di condominio?

La querela e la denuncia possono essere presentate oralmente o per iscritto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, al pubblico ministero o a un ufficiale di polizia giudiziaria. Se presentate per iscritto devono essere sottoscritte dal denunciante o dal procuratore speciale [7].

Cosa fare se l’amministratore di condominio non interviene?

L’amministratore che si rende irreperibile e non risponde al telefono negli orari in cui dovrebbe, può essere diffidato per iscritto tramite fax, telegramma, pec o raccomandata. Nella comunicazione gli si dovrà assegnare un termine per rispondere, di solito non inferiore a tre giorni lavorativi.

Quali sono gli orari da rispettare in un condominio?

Le ore del silenzio da rispettare

Le fasce orarie in cui si dovrebbe prestare maggiore attenzione nell’evitare rumori inutili sono due, la notte dalle 21:00 alle 8:00 e il pomeriggio dalle 13:00 alle 16:00.

Come si può punire chi viola il regolamento di condominio?

In ultima istanza l’amministratore può applicare delle sanzioni pecuniarie nei confronti di chi trasgredisce il regolamento di condominio, sanzioni che non possono essere superiori a 200 euro o, in caso di recidiva, a 800 euro. La somma è devoluta al fondo di cui l’amministratore dispone per le spese ordinarie.

Cosa fare se l’amministratore non interviene?

Cosa fare se l’amministratore non interviene? Se l’amministratore viene meno ai doveri specifici impostigli dalla legge (vedi ultima elencazione), anche un singolo condomino può rivolgersi al giudice perché ne disponga la revoca.

Come scrivere una diffida all’amministratore?

Spedire la lettera con raccomandata A/R o PEC

La lettera scritta dall’avvocato per conto del condomino, denominata appunto diffida stragiudiziale, va formalizzata. Precisamente, il suo invio all’amministratore di condominio o ad ulteriori condomini dovrà avvenire tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Come si fa a togliere l’amministratore?

Pertanto, se si intende togliere l’amministratore, bisogna chiedere che venga convocata l’assemblea, altrimenti la sua nomina si rinnova in automatico per un altro anno. Invece, alla fine del secondo anno, l’amministratore è tenuto a convocare l’assemblea che deve decidere se rinnovargli il mandato oppure sostituirlo.

READ:  Quante persone possono pranzare al ristorante?

Quante unità per essere condominio?

Il condominio minimo è quello composto da almeno due proprietari che abitano nello stesso stabile e che posseggono entrambi parti in comune in comproprietà, fino ad arrivare a tutti quegli edifici con non più di 8 condomini, ossia a tutti quegli immobili dove non è obbligatorio nominare un amministratore di condominio.

Quanti appartamenti ci vogliono per formare un condominio?

Semplicemente due. Basta, infatti, che all’interno di un edificio vi siano anche solo due unità abitative appartenenti a distinti proprietari, che presentino delle parti comuni, strutturalmente e funzionalmente connesse alla prime, che il condominio nasce di diritto.

Come convocare l’assemblea condominiale senza amministratore?

Nel caso in cui il condominio sia privo dell’amministratore, la convocazione dell’assemblea dovrà essere predisposta e trasmessa agli altri proprietari da uno (o più) condomini e non da un professionista o da un terzo.

Che tipo di fonte regola il condominio?

Giulio Pettograsso. Il funzionamento del condominio è disciplinato da norme di legge (imperative o dispositive), da un titolo costitutivo di diritto e da un regolamento condominiale, nel caso fosse previsto e vigente. In particolare, il regolamento condominiale (per come disciplinato dagli artt.

Qual è la funzione della trascrizione del regolamento contrattuale?

La trascrizione di un contratto nei pubblici registri immobiliari ha funzione così detta di pubblicità notizia. Una volta trascritto, l’atto è legalmente conoscibile da chiunque – la consultazione degli archivi del conservatore è pubblica – e quindi, per semplificare al massimo, nessun può dire di non sapere.

Come richiedere il codice fiscale di un condominio?

Il condominio a uso residenziale, sebbene sia un’entità a cui non è imposto di dichiarare l’inizio di attività IVA, é obbligato a chiedere un codice fiscale (DPR 2.11.1976 numero 784). La richiesta va fatta presso un qualunque ufficio dell’Agenzia delle Entrate compilando il modello AA5/6.

per modificare una parte o tutto il regolamento assembleare è sufficiente la maggioranza degli intervenuti in assemblea che costituiscano almeno …
Che maggioranza ci vuole per cambiare il regolamento condominiale?
Come si fa a modificare un regolamento condominiale?
Quando serve la maggioranza assoluta in condominio?

Stai guardando: Che maggioranza serve per modificare il regolamento di condominio?

Fonte: townhouserome

Categoria: Qual è lo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *